PRATICALINGUA

STORIA DI CORSICA : 1767, a presa di Capraia


Di ghjennaghju di u 1767, una barca capicursina vista in perìculu finisce per esse ricuperata in Capraia.


 

Paulu Mattei s'accorge tandu chì Capraiesi pàrlanu u corsu, ch'elli sò à currente di a mossa Paulista in Corsica, è ampara chì una manata di suldati si tròvanu in a citatella di l'ìsula.

Di ritornu in Corsica, dice à Pasquale Paoli chì a cunquista di Capraia sarebbe pussìbule. L’operazione hè messa in ballu.

U 16 di ferraghju 1767, a piccula Marina Paulista parte da Macinaghju. U lindumane, u Cumandante Achille Murati è u so Tenante, Ghjuvanni Ristori, sbàrcanu in Capraia cun 200 omi.

Sò accolti da a populazione di l’ìsula cume liberatori. Capraiesi ùn si scurdàvanu chì l’ìsula era stata Corsa, prupietà di i signori capicursini Da Mari è chì Ghjenuva si l’avìa pigliata in u 1582.

In Capraia, c’era una citatella bella armata, cun suldati Ghjenovesi, u « Castello San Giorgio ».

I Corsi anu aspettatu trè mesi è si sò opposti à i battelli chì purtàvanu succorsu à i suldati chjosi in citatella. U 29 di maghju, i genuvesi àprenu e porte, si rèndenu, è sò lasciati liberi di vultà in Ghjènuva.

I Corsi s’anu pigliatu 13 cannoni, 1600 palle di cannoni, fucilli è pòlvara.

A cunquista di Capraia hè a più bella vittoria corsa. Ghjènuva ùn hè più maestra di u mare è sta vittoria mette à male u so cummerciu.