PRATICALINGUA

STORIA DI CORSICA : 1918, annata negra


U 1918 hè stata un'annataccia per a Còrsica.


 

Guasi tutti l'omi chì si pudìanu truvà èranu stati mandati à cumbatte u nemicu tedescu :giuvanoti di 20 anni o adulti, babbi di famiglie numerose èranu tutti quanti in e trincèe. Ùn ci èranu pocu è micca bracce pè travaglia in l'orti, è benchì e donne è l'anziani fùssinu assai animosi, a miseria si era stallata.

Dopu, ci sò stati almenu dui scumpienti chì anu fattu di u 1918 un'annata maladetta. U primu accadì u 15 d'agostu : ci èranu tandu battelli chi ralligàvanu a Còrsica à u cuntinente francese è chì appartenìanu à a cumpania marittima Fraissinet. Per colpa di a guerra, i più belli battelli, quelli chì èranu in un bon statu, èranu stati pigliati da l'armata, è pè fà u viaghju trà cuntinente è Còrsica, ùn ci èranu più chè battelli vechji è frusti. U Balkan ghjera un battellu cusì, chi ralligava Marseglia à Calvi. Carriava, stu ghjornu fatìdicu unepochi di suldati in permissione chì rientràvanu ind'è elli, è assai donne è zitelli. Hè statu turpigliatu da un sottumarinu tedescu allora chì si vidìanu e coste di Calvi. Ci sò stati 417 morti è 102 a s'anu francata. Stu fattu hè statu vissutu in Còrsica cum'è una strage tamanta.

U segondu stalvò di settembre, passata a statina : un'epidemia d'influenza spagnola chi fece tanti è tanti morti, soprattuttu pè i paesi. Sta maladìa ùn era tantu grave in le cità, ma, in li rughjoni, ùn ci èranu micca règule d'igiene (per dà un esempiu, e persone sane durmìanu in lu stessu lettu chè e persone malate). Hè stata una ruvina per a Còrsica campagnola, è, forse, unu trà e ragioni chì anu iniziatu a so desertificazione.