PRATICALINGUA

STORIA DI CORSICA-ECUNUMIA: 1763 I Soldi Corsi


Di maghju di u 1761, sottu à u guvernu Paulistu, una cunsulta decide di batte una muneta, arnese maiò di un statu indipendente.


A Zecca, locu di battuta di sta muneta, starà in Muratu, paese strategicu induve hè digià stallatu u quartieru generale. Si ghjuveranu d’argentu è ramu per creà i famosi « soldi Corsi ».

S'averanu puru da custituisce riserve di metallu dinù, da creà un attellu,per  riclutà operaii (seranu 13).Tasse nove sò messe in piazza da pagà tuttu què.

A pruduzzione principierà u 26 di ferraghju di u 1763. I valori di a muneta vanu da una libra d'argentu o 20 soldi (u ventinu) à ottu danari d'argentu è ramu (u baioccu). Cunsiderata da i Ghjenuvesi cum'è falza muneta, basterà un mese dopu per pagà tutti i suldati. Dopu à u 1767,di pettu à pressione francese, a Zecca serà trasferita in Corti, per mezu di 36 cunvogli di muli.

 L’ultima pruduzzione serà fatta in u 1768. Oghje, sti soldi corsi sò assai scarsi : ferma un solu ventinu di 1762 in St Petersbourg.

Si pò aghjunghje chì in u 1736, u rè Teudoru avia avutu anch’ellu u tempu di batte una pezza di 5 soldi, in Tavagna.