PRATICALINGUA

STORIA DI CORSICA-LOCHI: 1419, A Citadella di Corti


D'Aragone passendu pè Paoli è a Museu di a Corsica


In u 1419, u Conte è Vici Rè di Còrsica, Vincentellu d’Istria (vassallu di u Rè Alfonsu V d’Aragone), face custruì un castellu nant'à u poghju chì supraneghja a cità di Corti, cù un muraglione merlatu è trè torre, da cumbatte a Repùblica di Ghjènuva per u Reame d’Aragone.

Trà u 1421 è u 1434, regna da Suvranu nant’à a Còrsica è impienta u so guvernu in Corti.
A u diciottèsimu sèculu, u Generale di a Nazione, Pasquale Paoli hà fattu di Corti a capitale di u so guvernu.

In u 1769, dopu à a disfatta, u 9 di maghju di e so tuppe à a battaglia di Ponte Novu contru à quelle di u Rè Luigi XV, a Còrsica passa sottu à duminazione francese. U conte de Vaux  urdineghja tandu d'accresce e furtificazione di a citatella attuale, nant’u principiu di e furtificazione è e custruzzione di Vauban.
 A citatella di Corti hè à sola citatella trà e sei citatelle corse hà esse custruita à l’internu di e terre.
A custruzzione di a caserna Padoue si cumpie in lu 1776.

Trà u 1962 è u 1983 a citatella hè occupata da a legione straniera francese.

In u 1984, u situ hè apertu à u pùblicu è offre una vista panoràmica meravigliosa nant’à e valle di Restonica è Tavignani.
U castellu in l’accinta di a citatella accoglie oghje :
  • U museu di Corti
  • U fondu regionale d’arte cuntempuranèu di a Corsica (FRAC)
  • U centru culturale scientìficu è tècnicu di a Còrsica
  • U polu turìsticu centru di Corisica
 
D’aprile 2015, l’aculaghja hè presa dà una vintinaia di militanti di a Ghjuventù Indipendentista pè cummicià un patifame, da rivendicà publicamentu u so scuntentu di pettu à u Guvernu francese.