PRATICALINGUA

Cunferenza #1 - Ghjacumu THIERS : "Riacquistu : eri, oghje è dumane"


​ Praticalingua avia digià avutu u piacè tamantu d’accoglie à Ghjacumu Thiers annu in tantu ch’è autore literariu cuntampurenaeu maiò. U 27 di settembre scorsu, però, hè l’omu di terrenu, respunsevule assuciativu, insignante, universitariu, suciolinguistu, presidente di u CCU di Corti, è cunsiglieru di l’Offiziu di a lingua corsa, ispiratore principale di u raportu nant’à u pianu di sviluppu di a lingua corsa di u 2006 chì ci hà fattu l'onore d’intervene davant’à un publicu custituitu di membri di l’associu è di parechje altre persone interessate.


À ellu tuccava d’apre un ciculu di cunferenze dibattiti misinche chì si svuglieranu tutta l’annata cù una tematica centrale da filu rossu : a messa in dinamica di e lingue minurizate.
 
Ghjacumu Thiers inizia cù un preambulu chjaru : una nustalgia passatista, spessu caratterizata da u ricusu di l’oghje pò esse un veru periculu in u spannamentu d’una lingua affrancata. Custituisce tante volte una scusa pè ùn affruntà a realità è sbocca difatti nant’à una sacralizazione senza pratica.
 
Insiste dopu nant’à a diferenza trà nurmalizazione (u fattu di rende nurmale, volesi dì asgiatu, naturale è generalizatu l’usu d’una lingua) è nurmativizazione (u fattu di custringhje a lingua in una sesta unica è nurmativa.) St’ultimi anni, a lingua corsa hè entrata in un prucessu du nurmalizazione benefica è li tocca à schisassi a trappula d’una nurmativizazione secca è contrapruduttiva.
 
Sviluppa tandu a prufusa cumplementarità chì esiste trà u vernaculare è u veiculare, dialettica permanente trà cunniscenza di e radiche, di u fondu arradicatu è l’apertura à u plurilinguisimu ch’ellu porghje u corsu, lingua italica scritta in una larga aghja rumanica.
 
In ciò chì cuncerna l’aspettu istituziunale, Ghjacumu Thiers insiste nant’à l’impurtanza strutturale incunturnevule di a cuuffizialità ch’ellu ci vole propiu à ottene ma chì, per avà, hè intravata da a natura di u Statu francese centralizatore è chì sola pò nasce da un statutu puliticu novu. Intantu, impremenu a vuluntà è l’iniziative da anticipà sta cunquista indispensevule.
 
Po l’omu indiatu traccia u bilanciu di sti quarant’anni :

In quant’à i punti pusitivi, a incalca nant’à l’aspetti virtuosi ch’ella hà inghjennatu a presa di cuscenza di l’anni settanta : « ùn s’hè mai scrittu quant’è avà ! », è u riacquistu chì hà permessu un prugressu maiò : scambià a percezzione di u corsu, fendulu passà da un dialettu à una lingua in a cuscenza cullettiva.

Pè l’aspetti più negativi : indetta u mancu d’ernesi fundamentali chì possinu risponde à i bisogni di l’usi oghjinchi di a lingua, cum’è quelli di i media per indettu (dizziunarii numerichi, traduttori è currettori, grammatica…) Accosta u tema di a ridialettizazione ch’ellu cunsidereghja periculosu (cf. esempiu sardu.) Ramenta u fiascu di e istituzioni (l’inseme di e misure racumandate in u raportu di 2007 ùn sò mai state materializate), chì sò stati numerosi i prugetti, i piani o e cummissioni... ma chì ùn anu mai trovu cuncretizazione in pulitiche cuncrete.
 
Aperta a fasa di cuntrastu, pè risponde à e dumande di u publicu, insiste nant’à a necessità d’esse attenti à varie tendenze :
- i fantasimi linguistichi chì portanu à alluntanassi di manera artifiziale da l’altre lingue rumaniche creendu forme chì, pè finì, cumplicheghjanu a cumunicazione.
- a paura di u sbagliu, chì impedisce sempre parechje persone di parlà. Pè aiutà à francà st’ostaculu, sò primurose e dimarchje assuciative, postu ch’elle sò menu custrette da a norma ch’è a scola.
Ghjacumu Thiers aghjunghje quant’elle sò impurtanti l’attività culturali (teatru, cantu...) è chì ci vole à incuragisce a cullaburazione trà d’elle pè u spannamentu di a lingua è a so accessibilità.
 
Si compie stu primu scontru cù un ringraziu tamantu à un attore propiu maiò di a mossa linguistica nustrale. Vene salutatu u so rimarchevule parcorsu, a so cuntribuzione intellettuale, scientifica, militante, literaria fundamentale è a fede lucida è ottimista ch’ellu sà cumunicà in ogni attu di a so ecclettica dimarchja.

Ind'a listessa rubricca
< >