PRATICALINGUA

Ciculu di cunferenze : "RAGIUNATE IN PRATICALINGUA"



CUNFERNZA #0 08/06/2019 : "Chì strategie per a lingua corsa ? Sguardi di quì è d'altrò"

À a mediateca di u Centru Culturale di l'Alb'oru in Bastia, cun Conchùr O Giollagain, Kaoutar Harchi, Marceddu Jurezcek, Saveriu Luciani è Mattea Lacave. Dibattitu animatu da Mathieu Graziani per l'associu Praticalingua.

Cunferenza #1 - Ghjacumu THIERS : "Riacquistu : eri, oghje è dumane"

Ciculu di cunferenze : "RAGIUNATE IN PRATICALINGUA"
À ellu tuccava d’apre un ciculu di cunferenze dibattiti misinche chì si svuglieranu tutta l’annata cù una tematica centrale da filu rossu : a messa in dinamica di e lingue minurizate.
 
Ghjacumu Thiers inizia cù un preambulu chjaru : una nustalgia passatista, spessu caratterizata da u ricusu di l’oghje pò esse un veru periculu in u spannamentu d’una lingua affrancata. Custituisce tante volte una scusa pè ùn affruntà a realità è sbocca difatti nant’à una sacralizazione senza pratica.
 
Insiste dopu nant’à a diferenza trà nurmalizazione (u fattu di rende nurmale, volesi dì asgiatu, naturale è generalizatu l’usu d’una lingua) è nurmativizazione (u fattu di custringhje a lingua in una sesta unica è nurmativa.) St’ultimi anni, a lingua corsa hè entrata in un prucessu du nurmalizazione benefica è li tocca à schisassi a trappula d’una nurmativizazione secca è contrapruduttiva.
 
Sviluppa tandu a prufusa cumplementarità chì esiste trà u vernaculare è u veiculare, dialettica permanente trà cunniscenza di e radiche, di u fondu arradicatu è l’apertura à u plurilinguisimu ch’ellu porghje u corsu, lingua italica scritta in una larga aghja rumanica.
 
In ciò chì cuncerna l’aspettu istituziunale, Ghjacumu Thiers insiste nant’à l’impurtanza strutturale incunturnevule di a cuuffizialità ch’ellu ci vole propiu à ottene ma chì, per avà, hè intravata da a natura di u Statu francese centralizatore è chì sola pò nasce da un statutu puliticu novu. Intantu, impremenu a vuluntà è l’iniziative da anticipà sta cunquista indispensevule.
 
Po l’omu indiatu traccia u bilanciu di sti quarant’anni :

In quant’à i punti pusitivi, a incalca nant’à l’aspetti virtuosi ch’ella hà inghjennatu a presa di cuscenza di l’anni settanta : « ùn s’hè mai scrittu quant’è avà ! », è u riacquistu chì hà permessu un prugressu maiò : scambià a percezzione di u corsu, fendulu passà da un dialettu à una lingua in a cuscenza cullettiva.

Pè l’aspetti più negativi : indetta u mancu d’ernesi fundamentali chì possinu risponde à i bisogni di l’usi oghjinchi di a lingua, cum’è quelli di i media per indettu (dizziunarii numerichi, traduttori è currettori, grammatica…) Accosta u tema di a ridialettizazione ch’ellu cunsidereghja periculosu (cf. esempiu sardu.) Ramenta u fiascu di e istituzioni (l’inseme di e misure racumandate in u raportu di 2007 ùn sò mai state materializate), chì sò stati numerosi i prugetti, i piani o e cummissioni... ma chì ùn anu mai trovu cuncretizazione in pulitiche cuncrete.
 
Aperta a fasa di cuntrastu, pè risponde à e dumande di u publicu, insiste nant’à a necessità d’esse attenti à varie tendenze :
- i fantasimi linguistichi chì portanu à alluntanassi di manera artifiziale da l’altre lingue rumaniche creendu forme chì, pè finì, cumplicheghjanu a cumunicazione.
- a paura di u sbagliu, chì impedisce sempre parechje persone di parlà. Pè aiutà à francà st’ostaculu, sò primurose e dimarchje assuciative, postu ch’elle sò menu custrette da a norma ch’è a scola.
Ghjacumu Thiers aghjunghje quant’elle sò impurtanti l’attività culturali (teatru, cantu...) è chì ci vole à incuragisce a cullaburazione trà d’elle pè u spannamentu di a lingua è a so accessibilità.
 
Si compie stu primu scontru cù un ringraziu tamantu à un attore propiu maiò di a mossa linguistica nustrale. Vene salutatu u so rimarchevule parcorsu, a so cuntribuzione intellettuale, scientifica, militante, literaria fundamentale è a fede lucida è ottimista ch’ellu sà cumunicà in ogni attu di a so ecclettica dimarchja.

Cunferenza #2 - Emanuele BARBIERI : "L'ecunumia di e cumpetenze : l'inghjocu linguisticu in l'ecunumia di dumane"

Ciculu di cunferenze : "RAGIUNATE IN PRATICALINGUA"
U venneri 18 d’ottobre s’hè svolta a segonda stonda di u ciculu di cunferenze battizatu Ragiunate cù Emanuele Barbieri.
Vene propiu arduu di riassume in qualchì filare u riccu parcorsu di u nostru invitatu :ingeniere spezializatu indè i mercati agriculi è di e materie primarie, i so travagli di ricerca universitarii l’anu spezializatu in u settore di a finanzia etica è di e fillere agroalimentarie, induv’ellu s’impegna attualmente, trà Corsica, Tuscana è Irlanda.Hè dinù circadore in intelligenza artifiziale è sviluppa un strumentu d’intelligenza artificiale per migliurà l’autunumia finanziaria di l’imprese è l’effetti leva di u finanziamentu publicu. In a Kedge business school di Bastia insegna a nova geopulitica di a mundializazione è a strategia d’impresa in modu start-up. Un antru aspettu di u persunagiu hè l’attività giurnalistica : hè direttore da u 2001 di a redazzione di a radiu cummerciale taliana RDM chi diffonde in FM nant’à l’Appenninu toscanuemilianu. Infine, si dice appassiunatu da u studiu è e funzioni di u linguaghju, di i tecnoletti è di i linguaghji veiculari (ancu infurmatichi) dapoi u so studiu à a scola per interpreti di l’Università di Bologna 1991-1994.

 Ma l’intellettuale ùn si cuntenta di riflette è mette dinù mani in pasta. Castaneicultore da parechji anni, hè cuurdinatore di i prugetti di putatura di i castagni di Pianellu è di San Lurenzu affullati da u PDRC è da l’associu AFC-Umani è d’un prugettu purtatu da una squadra indipendente d’ingenieri è tecnichi di l’alburi nata da a cumunicazione vegetale di i castagni e di l’alburi d’altu fustu chì ghjocanu una parte indè l’alimentazione di l’acelli durante e migrazioni stagiunali (Corsica, Baviera, Tuscana, Baia di Dublinu, Malinovo-Slovacchia.)
 
Tutti sti ricchi aspetti, varii è eclettichi, di a so persona eranu per noi, di siguru, apiti à nutrisce a nostra riflessione nant’à a messa in dinamica di i parleti minurizati. Di st’omu attaccatu à territorii à cavallu à u Mare Tirrenicu è ancu aldilà, chì portanu sempre cunniscenze, sapè è valori ch’ellu difende cun passione cù sta vuluntà d’integralli à dinamiche oghjinche operanti, aspettavamu cun brama diannosticu è pruposte nù u quatru di a tematica ch’ellu avia sceltu di sviluppà : “a cuntribuzione di l’ecunumia di e cumpetenze/cunniscenze è di l’ecunumia di e piattaforme indè a pratica di u corsu in st’epica di u sviluppu di l’intelligenza artifiziale”.

Emanuele Barbieri apre a so ragiunata cù una fiura arburicula dicendu chì “l’attività umana cerca sempre una cumplementarità è un’interdipendenza cum’è l’alburu chì hà parechji capi.” Sta ramificazione sulidaria si ritrova in l’ecunumia di e cumpetenze chì, à parè soiu, in u mondu d’oghje, sò essenzialamente idee è scambii. Difatti, cù a mundializazione è a delucalizazione ingenerata da e tennulugie nove, l’iniziative lucalizate ponu raghjunghje l’universale cun facilità. Cita l’esempiu di Jellysmack, fundatu da Niculaiu Alfonsi in Corti. U servore infurmaticu adupratu hè Amazon ma l’impresa, puru ch’è allucata da l’Università di Corsica hè u terzu pruduttore per Facebook. Di listessu modu, i linguaghji infurmatichi sò, per tuttu u pianeta, Python è Java, ma ognunu adopra stu metalinguaghju à prò di a so spressione propia. In l’open service, e cunniscenze ùn si vendenu ma si barattanu. Una bella formula riassume stu primu sviluppu : “e cumpetenze sò, nanzu di tuttu, ascoltu, tempu è spartera”.

S’entre tandu in a dimensione linguistica cù sta prima idea maiò : e cumpetenze, chì facenu sempre di più a diferenza trà imprese ordinarie è imprese singulari, dunque efficienti, si riassumenu spessu à trè dimensioni : u sapè, u sapè esse è u sapè fà. In ste dimensioni purtate da a cultura, i patrimonii, a tradizione, a trasmissione, a lingua, u linguaghju ghjoca una parte essenziale. Dopu ramintate e quattru funzioni di a lingua : riferenziale (descrizzione di a realità effettiva) ; puetica (estetica) ; fatica (messa in fasa, trazzione) è conattiva (codice suciale), Emanuele Barbieri accerta chì a lingua lucale è u corsu in l’occurrenza aiuta puntellà u valore diferenziale. L’infurmatica trascina metadata glubali, u statu psiculogicu, l’emuzioni, e percezzioni fini sò u duminiu di a lingua isciuta da u territoriu, a cultura, u riferente cullettivu lucale.

Sin’à avà, u francese era a lingua di u pane, l’inglese a lingua di l’affari, ma oghje i traduttori internaziunali facenu chì a vernacula diventi a lingua di u più è introducenu un valore disruttivu. U fattu chì u corsu sia mez’à l’aghja tamanta di a romania (u spagnolu veiculeghja 1/5 di u vulume di cambii ecunomichi mundiali) li cunferisce ancu di più forza, patrimuniale è veicularia. Da stu puntu di vista l’intelligenza artifiziale hè una vera carta maestra. U mare, sin’à avà fattore d’isulamentu diventa un elementu d’apertura.

Altru esempiu citatu isciutu da a sperienza di u nostru ospite : l’intrapresa “A Nuciola” di u Cerviunincu Carlu Sforzini. “A lingua aiuta à pensà efficace”. Cum’è pè a so sperienza in Pianellu, Emanuele Barbieri ammenta a cumpetenza di i sapè è l’accostu di u territoriu in e so prublematiche ecunumiche direttamente isciute da a lingua è di e cunniscenze seculari trascinate da ella. A lingua corsa è a scelta di a libertà, quella chì face, à l’iniziu stessa di l’iniziativa, l’arradichera pertinente à u locu è u più in termine di cummercializazione è di cumunicazione.

L’invitatu di a serata accosta tandu a nuzione di u sviluppu diferenziatu. In tante regioni d’Italia, u dialettu hè spessu a lingua di l’affari cum’è, per u indettu, cun l’esempiu di u Banco emiliano BCC Felsinea chì chjappa parechje iniziative da avvicinassi da a ghjente di u territoriu à traversu à i regioletti è prumove l’ecunmia lucale.

Nanzu di reiterà a so speranza soda in l’avvene di e culture regiunali, Emanuele Barbieri cunclude un spostu zeppu di dati è analisi cù una rumpitura ritmica finale è sta citazione di San Francescu d’Assisi : “ama à l’altru quant’è tù ti ami à tè stessu”, seguitata da stu cummentu : “ma ci vole à amassi per amà à l’altri” è da sta sentenza : “u francese ùn si tene micca caru, dunque ùn pò tene l’altri cari. Serà què u prublema strutturale di a Francia di pett’à e lingue minurizate ?”

Cunferenza #3 - Michel FELTIN-PALAS : "Comment sauvegarder la langue corse ?"


Cunferenza #4 - Andria FAZI : "Statuti linguistichi di l'isule Eurupee"

SPECIFICITÀ DI I MONDI ISULANI
Andria Fazi apre u so prupositu spunendu a prublematica : parechje isule, da u fattu stessu di a so specificità, pussedenu un statutu spessu diversu da e zone cuntinentali è di u dirittu cumunu. Cusì, per u indettu, in Francia, in Nova Caledunia o in Pulinesia, induve l’eletti ponu legiferà in materia d’impositi, di mercati publichi o di cuncurrenza.
Tutte e regioni, ben intesa, ùn godenu statuti cusì avanzati è tante isule d’Auropa sò gestite da e listesse norme ch’è e zone cuntinentali. Hè u casu, trà altri, di a Creta, di l’isule d’Estonia o di l’Ebridi scuzzesi.

Cuncernendu e lingue, esiste un parallelu. Cunsidereghja, u nostru ospite, chì “dapoi l’Antichità, l’isule sò state raprisentate cum’è territorii eccezziunali, cum’è laboratorii è cum’è cunservatorii. Dunque, in teuria, ci si sarianu cunservate forme linguistiche particulare o arcaiche, lingue o almenu forme dialettali proprie. L’assenza di cuntinuità linguistica hè una limita à i cuntatti linguistichi, è dunque à l’evuluzione di a lingua isulana.”
Ma aghjunghje chì “ancu per e lingue, ùn si pò generalizà. Ci sò isule induve a lingua naziunale hè praticata solu da i funziunari di u Statu è d’altre chì cunnoscenu solu a lingua naziunale.”
 
TIPULUGIA DI E DIVERSE SITUAZIONI
Andria fazi riassume u mosaicu oghjincu cù una tipulugia di situazioni, basata nant’à 29 territorii isulani, integrati à 13 Stati aurupei, ciò chì rinvia à 25 lingue. Ci spicca :
-        E situazioni d’assimilazione : ci si parla a lingua naziunale o a lingua territuriale è e variazioni dialettali ùn ci sò micca ricunnisciute è ùn generanu micca pulitiche particulari.
-          E situazioni d’adattazione : ci hè omancu una lingua territuriale chì hè ricunnisciuta da l’istituzione, chì face l’uggettu di pulitiche, ma chì ùn rimettenu micca in causa a superiorità di a lingua naziunale.
-          E situazioni d’eccezzione : a lingua territuriale hà un statutu paru o superiore à quellu di a lingua naziunale.
Bella sigura, nentru à ste trè grandi categurie, ci sò situazioni assai diverse.

In e situazioni d’assimilazione, si ponu spiccà casi segondu u livellu di diferenziazione linguistica.
-          Da una parte, e variazioni dialettali ponu esse minime.
-          Da l’altra parte, quelle variazioni ponu esse sensibuli, à tal puntu ch’elli ci possinu esse ancu dubbiti nant’à a natura di l’idiomu parlatu. In l’isula svedese di Gotland, si parla u gutnisk, ma a Svezia u qualificheghja di dialettu, invece chì l’Unesco u qualificheghja di lingua.
-          Infine, ci sò casi induv’ella accerta, a cumunità scientifica, ch’ellu si tratta d’un lingua puru chì a ghjente ùn a percipisca cusì. Per esempiu, in Scozzia, ci sò più di dui millioni di persone chì parlanu u scots, è ci n’hè assai in l’isule Okrney è Shetland, in u stremunordu, ma a maiò parte di a ghjente vede u scots cum’è un dialettu, è guasi nimu pensa à urganizà u so insignamentu.

In e situazioni d’adattazione, ci vole à spiccà soprattuttu i casi induve a lingua territuriale hè ufficiale. Di siguru, l’ufficialità apre novi diritti linguistichi è permette di mette in anda pulitiche più ambiziose cun apparenti dritti è pulitiche sfarenti. Ma infatti, l’ufficialità ùn hà mancu appena i listessi effetti dapartuttu.  
In Scozzia, u fattore isulanu hà un impattu tamantu nant’à a pulitica à prò di u gaelicu, ufficiale dapoi u 2005. L’insignamentu in immersione hè solu dispensatu sopr’à chersa di i genitori è in generale, dumanda ùn ci n’hè. In a maiò parte di e circuscrizzioni, menu d’1% di l’elevi ricevenu st’insignamentu immersivu. Invece, in l’Isule à Punente, e Western Isles, sò più di 60%.
Certe volte, invece, pò esse u cuntrariu. In a pruvincia di Frisa ullandese, u frisone hè ufficiale, ma sta lingua hè menu insignata in certe isule ch’è in cuntinente. Si capisce bè, postu chì, in quelle isule, u frisone ùn s’hè mai parlatu, è ch’elli ci sò altri dialetti.
In Corsica è in Sardegna, a situazione statutaria hè a listessa ; e lingue ùn sò ufficiali ma e pulitiche sò belle sfarenti. In Corsica (ruru ch’ella ùn ci abbasti) quasi 35% di i nostri elevi di u primariu sò in scola bislingua, Invece ch’in Sardegna, e lingue sarde sò più parlate ch’è a corsa, ma insignate, pocu è micca.

Infine, per e situazioni d’eccezzione, ci sò casi di parità trà a lingua territuriale è a lingua naziunale, è casi induve a lingua territuriale hè a lingua suprana.
Ind’è noi, avemu tendenza à cunsiderà e Baleare da contramudellu. Per a prutezzione di l’ambiente, si diceria chì l’affari ùn sò cusì simplici. Ma per a lingua catalana, cuufficiale cù u castiglianu, u statutu hè piuttostu bellu vantaghjosu.
Ci ampara u nostru ospite chì “malgradu un’immigrazione impurtantissima, ligata à l’attività turistica, a cunniscenza è l’usu di u catalanu sò assai sparti. Più di 80% di a pupulazione u sà parlà, è più di 60% u sà scrive. Di più, ste cumpetenze linguistiche sò più alte trà i giovani, segnu d’efficacità di e pulitiche educative. Stu mudellu educativu, cum’è in Catalogna, hè quellu di l’immersione. In 82% di e scole publiche, tuttu l’insignamentu hè datu in catalanu.
In e Feroè, u statutu di a lingua territuriale hè più altu, postu chì u feruianu hè qualificatu di lingua principale. Eppuru u danese hà un pesu impurtante in l’istituzioni è in i raporti suciali, è a realità palesa piuttostu una vera parità.
Infine Andria Fazi ammenta dui casi assai particulari induve a lingua di u territoriu hè propiu in pusizione di duminazione rispettu à a lingua naziunale. Sò i casi di l’isule Aland è di a Groenlandia.
Per u primu casu, sta situazione hè un fruttu d’un accumudamentu internaziunale rarissimu. “Quandu a Finlandia hè divintata indipendente in u 1917, l’isule Aland di cultura svedese anu dumandatu à fà parte di a Svezia, ciò ch’era sustinutu dinò da u Statu svedese. Invece, u casu hè ghjuntu davant’à a Sucietà Di e Nazione, chì hà decisu chì l’Aland serianu finlandesi, ma chì a Finlandia li deveria assigurà a preservazione di a so lingua è di a so cultura svedese. Intantu, u so statutu d’autunumia accerta chì l’unica lingua ufficiale hè u svedese, ancu per l’istituzione di u Statu, dunque un’altra lingua naziunale, incù tuttu i mezi supposti.”

In a Groenlandia, “u fattu decisivu si trova in e forme di a duminazione culuniale danese. Puru s’ellu era presente almenu dapoi u principiu di u Diciuttesimu, quellu culunizatore ùn s’hè mai imprimuritu d’integrazione culturale, à tal puntu chì à u principiu di u Vintesimu, sò i capi inuiti chì anu dumandatu a creazione di scole per imparà trà altre discipline u danese. Dapoi u 1951, u Groenland ùn hè più una culunnia, ma sforzi ci n’hè statu pocu.
È quandì u territoriu hà strappatu a so autunumia à a fine di l’anni 70, hà sceltu di valurizà e lingue lucali prima di tuttu. Durante i primi vint’anni d’autunumia, s’hè trattatu chjaramente di una pulitica munulinguistica. Durante i vinti altri, anu sceltu d’insignà un pocu di più u danese, per allargà l’uppurtunità di i giovani Inuiti.”
 
L’INTERPRETAZIONE DI I DATI
Dopu fattu stu grande giru di e situazioni, Andria Fazi passa à a fasa di l’interpretazione minutendu “e grande difficultà poste da u studiu di a quistione trattata” ch’ùn rileva solu da i statuti linguistichi studiati ma dinù da situazioni linguistiche diverse.

A prima difficultà hè quella di l’uggettu trattatu. Tandu accunsente à ùn piglià solu in contu e dimensione istituziunale è giuridica ma dinù quelle simbolica è suciale. Difatti, l’esempii scelti mostranu bè chì ùn abbasta, u statutu giuridicu d’una lingua, da cunnosce u valore assignatu da a so cumunità – a dimensione simbolica –, nè da cunnosce i so usi – a dimensione suciale –. Per esempiu, u sicilianu, in i fatti, ùn hà nisun statutu istituziunale, è u so statutu simbolicu hè assai debbule, postu chì a maiò parte di a pupulazione ùn u vede micca cum’è una lingua ; eppuru ferma una lingua assai praticata.  
“U statutu giuridicu di a lingua ùn permette mancu d’induvinà e pulitiche cuncrete chì sò aduprate. U gaelicu hè ufficiale in Scozzia, ma hè solu insignatu quand’ellu vene dumandatu da e famiglie. Hè cusì ch’indè l’isule Orkney è Shetland ùn si trova nisuna scola gaelica.”

A segonda dificultà pò esse quella di a varietà linguistica. Certe isule anu parechje lingue territuriali, talvolta cù statuti sferenti. In Scozzia, ci sò duie lingue territuriali impurtanti, cù situazioni assai diverse. U gaelicu hè ufficiale, ghjè simbulicamente assai valurizatu, ma ùn hè parlatu chè da 1% di a pupulazione scuzzese. Ghjè a lingua territuriale di l’Ebride à Punente. Invece u scots ùn hè micca ufficiale, ùn hè cunsideratu cum’è lingua da a maiò parte di a pupulazione, ma ghjè parlatu assai, è soprattuttu indè l’isule Orkney è Shetland.
In Sardegna dinù, si trova omu cunfruntatu à una situazione bella cumplessa. Ci sò quattru grande lingue territuriali chì anu tuttu un sustegnu paru, ma a Regione hà definitu è aduttatu un mischju, ch’ella adopra di modu sperimentale è chì genera tante dificultà in a pratica.

A terza difficultà hè chì certe lingue territuriale ùn sò specifiche à u territoriu isulanu. “U catalanu di e Baleare hè a listessa lingua ch’è quella parlata in Catalogna è in Valencia. Da una parte, pò esse un vantaghju, perchè per una lingua vene più faciule d’esiste è di sviluppassi incù 10 millioni di locutori. Da un’altra parte, e sfarenze dialettali ponu esse utilizate per ragioni pulitiche. Per esempiu, dapoi 10 anni, parechji pulitichi di dritta indè e Baleare ricusanu ancu u fattu ch’ella sia una lingua unica, soprattuttu per mettesi à u scartu di a dinamica indipendentista di Catalogna. Segondu l’anzianu presidente Bauza, u catalanu ùn esiste micca indè e Baleare. Ci sarianu solu u maiurchinu, u minurchinu è l’ibizinu...”

A quarta è ultima difficultà hè quella di l’impatti di l’ufficialità. “In Francia è in Corsica, si parla assai di l’impattu di u sistema d’educazione munulingua è ubligatoriu per spiecà a caliata di u corsu, di u brittonu, di l’uccitanu... Ghjè vera, di siguru. Ma ùn hè l’unicu aspettu. In Jersey è Guernsey, u rinculu di u francese è di e lingue nurmande ùn hè statu mancu appena u fattu di u putere inglese. Dapoi sempre, st’isule si guvernanu da per elle. Infatti sò e dinamiche demugrafiche è ecunomiche chì anu datu à l’inglese una pusizione egemonica.”
Ancu in un’isula indipendente, ci hè da esse inchieti. “In Islandia, parechji linguisti sò tribulati da u pesu di l’inglese in a cumunicazione trà giovani islandesi. U sviluppu turisticu è a nova cultura numerica n’anu fattu una lingua onnipresente in e rilazioni suciali, è si teme chì l’islandese sia prestu cunsideratu da sottulingua di u passatu. Segondu un rapportu di a rete META-NET, u sviluppu di u numericu hè un periculu per parechje altre lingue naziunali, cum’è u danese, u bulgaru, ancu u purtughese, etc., perchè ch’ùn sò micca abbastanza presenti nant’à a rete. Micca ch’elle appianu da smarrisce prestu, ma chì u so statutu simbolicu possi calà.”
 
CUNCLUSIONE
Per compie, Andria fazi accerta chì l’ipotesi di l’isule cunservatorii linguistichi vene assai difficiule da accettà. In certi casi, cum’è u Groenland o ancu cum’è a Sardegna, si puderebbe dì di sì. In parechji casi nò. “In 40% di e situazioni ammintate sta sera, l’isula ùn hà a so propria lingua. Sò solu quattru cunfigurazioni induve a lingua territuriale hè para o superiore à a lingua naziunale, ma si tratta quì di cundizioni eccezziunali. Per e Baleare è l’Aland, a lingua territuriale hè parlata soprattuttu in cuntinente, ciò chì a rende assai più putente. Per l’Aland, si deve aghjunghje a forza di un trattatu internaziunale. Per e Feroè è u Groenland, ci hè a putenza storica di i naziunalismi, è a pulitica di u Statu danese in termini di pulitiche d’integrazione.”
Per tutte l’altre lingue isulane, a situazione hè assai più difficiule, ancu quandu a lingua hè ufficiale. L’ufficialità dà diritti è dà mezi, certu, ma l’ufficialità, puru s’ella hà un impattu nant’à l’usi, ùn i cumanda micca. Senza impegnu suciale, a lingua territuriale perseguisce à dicade. “E dinamiche da veru esemplarie sò e rivitulizazioni linguistiche in l’isula di Man, in Jersey, Guernsey, assai interessanti ma chì toccanu solu una parte minima di a pupulazione. “

Andria Fazi cunclude u so istrutivissimu spostu cù sta sentenza piena di sensu : “insomma, cambià l’usi linguistichi oghje, riacquistendu a so lingua territuriale, hè una vera sfida, perchè abbisogna un investimentu persunale è cullettivu maiò, senza ch’ellu ci sia un prufittu ecunomicu chjaru. Forse chì quì cum’è per u restu, ci vole à esse capace d’affrancassi da a logica di u prufittu, è di fà di quelle lingue u solcu di un novu cumunu. Quessa ùn pò esse solu l’opera di l’istituzioni.”

Ind'a listessa rubricca
< >